you're reading...
Senza categoria

Letture recenti

LA VOCE DEL FUOCO
Autore: Alan Moore
Editore: Edizioni BD
Pagine: 329

Premetto che questo libro non l’ho finito, quindi prendete con le pinze questa recensione.
Ok, Alan Moore è un grande.
V for Vendetta e Watchmen sono due capolavori, e tutto quello che ah fatto per il fumetto mondiale andrà ricordato sicuramente.
Ok, gli sperimentalismi sono sempre ben accetti, trovare delle formule nuove, delle nuove forme espressive utilizzando un mezzo già conosciuto è sintomo di grande fantasia, a volte di genio.
La Voce del Fuoco è un’opera di Alan Moore.
Alan Moore è un genio.
La Voce del Fuoco è un capolavoro.
Questo è ciò che probabilmente vi aspettate da una recensione del primo  romanzo di Alan Moore.

E invece no.
Non compratelo.
Alan Moore è pazzo.
Un’opera del genere non merita i soldi spesi.
Iniziare a leggere le prime pagine e non capirci ASSOLUTAMENTE NULLA (perchè scritte come le scriverebbe/penserebbe un uomo delle caverne) non è segno di genio, ma di furbata.
In fumetto funzionerebbe benissimo, complice il supporto visivo, ma in prosa proprio non ci siamo.
Ma veniamo con ordine.
Si tratta di 12 storie collegate tra di loro, ma ognuna ambientata in un periodo storico diverso.
E per ogni periodo Moore (e i traduttori) impiega un linguaggio adeguato.
Arguto esperimento linguistico, divertente digressione dalla vena principale dell’autore (la narrazione per immagini), ma non avrebbe dovuto diventare un romanzo.
Almeno non le prime due parti, che sono le uniche che ho affrontato (saltando la prima dopo 20 pagine e bloccandomi a metà della seconda per il sopraggiungere della noia).
Avere delle idee non vuol dire che siano per forza geniali, e soprattutto una bella storia non coincide sempre con il linguaggio utilizzato per narrarla.
Sull’interezza della storia non posso sbilanciarmi, ma sul linguaggio utilizzato si, e devo dire che Moore ‘stavolta ha toppato.
E di brutto anche.
Peccato.


FRAGILE THINGS – SHORT FICTIONS AND WONERS
Autore: Neil Gaiman
Editore: Morrow/Harper Collins
Pagine: 320

Con Fragile Things mi sto convincendo sempre di più che Neil Gaiman è simile ad autori quali Edgar Allan Poe e H.P. Lovecraft, se non nei contenuti, anche se a volte molto simili, almeno nella capacità espressiva.
Come loro infatti OGNI SINGOLO racconto breve che scrive è un gioiellino.
Avevo già avuto prova di ciò con Smoke & Mirrors, la prima antologia che ho
letto 2 anni fa, e questa nuova collezione di storie brevi diventa la prova di questa tesi.
Se infatti opere come Anansi Boys, Nessun Dove o Stardust sono sicuramente
piacevoli e divertenti, American Gods per contro, nonostante l’epicità della storia era un po’ pesante dal punto di vista della narrazione. Un romanzo di ampio respiro rischia di essere di difficile approccio se non si è abituati a scrivere storie così lunghe e questo peccava di un ritmo molto variabile.
Con racconti come quelli presentati in Fragile Things invece tutto fila
liscio.
Ogni opera ha un inizio interessante, uno sviluppo semplice ma efficace e,
spesso, un finale sbalorditivo.
Tra quelle qui racchiuse troviamo alcuni dei primissimi lavori di Gaiman
(Forbidden Brides of the Faceless Slaves in the Secret House of the Night of Dread Desire), alcune opere non nuovissime (Harlequin’s Valentine e Goliath, già edite in Italia come graphic novel la prima e nel volumetto dedicato ai fumetti ispirati a Matrix la seconda) e come al solito degli esperimenti letterari (visto come si fa, Moore? li si mette da parte e li si pubblica insieme ad altro!) e poemetti (The Fairy Reel e Going Wodwo).
Altre particolarità possono essere rappresentate da Fifteen Painted Cards
from a Vampire Tarot (una collezione di "didascalie" dedicate alle 15 carte dei tarocchi usata dalla White-Wolf per delle illustrazioni di Vampire: the Masquerade) o ancora A Study in Emerald, dove ci viene presentato un esperimento simile ad Anno Dracula di Kim Newman o a La Lega degli Straordinari Gentlemen di Moore (una commistione di personaggi letterari apparentemente slegati tra di loro ma che funziona benissimo).
Insomma, consigliatissimo sia ai fan di Gaiman che a coloro che vogliono
scoprire questo autore dalle mille sfaccettature e dalla vena artistica davvero infinita.

 

GHOST RIDER – LA STRADA PER LA DANNAZIONE
Autore: Garth Ennis e Clayton Crain
Editore: Marvel Italia
Pagine: 144

Non sapevo (o non ci avevo mai pensato) che Spawn, creatura di Todd McFarlane, fosse un clone spudorato di Ghost Rider.
Il motociclista infernale di casa Marvel infatti ha ben più di un elemento
in comune con il demoniaco personaggio di McFarlane.
E da questa storia si vede benissimo. Oltre ad essere un demone "buono", ad usare come arma delle catene e a bruciare perennemente (laddove Spawn è morto bruciato vivo…), potreste prendere il protagonista di questo volume e sostituirlo con la creatura di McFarlane e non si noterebbe la differenza.
Ghost Rider (Johnny Blaze) è prigioniero all’Inferno. Ha venduto la sua
anima al diavolo per salvare un amico che è morto comunque, e all’inizio di questo nuovo racconto lo vediamo impegnato in una fuga eterna dai demoni che lo inseguono e lo distruggono all’infinito, in una macabra caccia che continua a ripetersi in eterno.
Nel frattempo sulla Terra un uomo sta per evocare un demone che si
impadronirà della terra se non verrà impedito questo passaggio.
E tra intervento divino, lotta tra bene e male, equilibrio tra salvezza e
perdizione, angeli e demoni in combutta e giochi di potere, il nostro dovrà combattere per guadagnarsi nuovamente un posto tra i vivi.
Una storia violentissima (Garth Ennis non si smentisce mai), ben orchestrata
e il cui unico difetto è la brevità totale del racconto, ma che è illustrata con maestria e con uno stile che calza perfettamente con i toni e i temi trattati.

 

NEKOMAJIN
Autore: Akira Toriyama
Editore: Star Comics
Pagine: XXX

Non leggevo qualcosa di Toriyama da molto tempo.
Deluso dall’ultima serie di Dragonball, e assolutamente prevennuto verso le sue opere "serie" (passatemi il termine), mi sono avvicinato a questo volumetto con curiosità.
Curiosità premiata al 100% dalle 8 storie di Nekomajin, un gatto fortissimo (mezzo-demone?) e buonissimo, simile in fattezze e carattere al primo Majin Bu ingenuo e pacioccone (il nome non è quello per niente, no?) apparso in Dragon Ball.
Storie davvero spassose e che sembrano riproporre la freschezza del Dragonball iniziale, senza i combattimenti seriosi volti a salvare il mondo e l’Universo, ma con avventure parodistiche dell’opera principale di Toriyama-sensei, con apparizioni (Vegeta! Goku!) e azione che vuole fare il verso a DB, senza screditarlo ma rendendogli omaggio.
Pubblicato su Storie di Kappa 146, il volume non è un must sicuramente, ma può essere un ottimo tassello da aggiungere alla collezione di questo autore, sicuramente superiore e più divertente/irriverente dei vari Toriyama World, Cowa o Sandland, è un ottima parentesi spassosa da accostare a letture più impegnate.

Annunci

Discussione

3 pensieri su “Letture recenti

  1. La Voce del fuoco non ho ancora iniziato a leggerlo… Non riesco a trovare il tempo e vista la tua recensione non mi sento più nemmeno tanto motivata…

    Una domanda, fragile things l’hai letto in lingua originale?

    Ciao

    Pubblicato da Porcupina | 9 marzo 2007, 12:35
  2. Sisi certo, FRAGILE THINGS (come Smoke & Mirrors) in ITA non esiste…

    Geniale come sempre…

    Pubblicato da Kalyth | 11 marzo 2007, 19:21
  3. Sigh sob, speravo che per una botta di culo fosse uscito in italia. Ultimamente non mi riesce perfettamente la comprensione dell’inglese, non vorrei perdermi qualcosa.

    Pubblicato da Porcupina | 12 marzo 2007, 12:56

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: