you're reading...
Senza categoria

HAPPY FAMILY

Teatro dell’Elfo

uno spettacolo di Alessandro Genovesi
con Gabriele Calindri (Vincenzo), Linda Gennari (Anna), Manuela De Meo (Filippo), Marta Iagatti (Anna), Roberta Rovelli (Caterina), Corinna Agustoni (Nonna Anna), Debora Zuin (Mamma), Massimiliano Speziani (Papà) Alessandro Genovesi (Ezio)

una produzione TEATRIDITHALIA
in collaborazione con Scuola d’Arte Drammatica Paolo Grassi
prima nazionale
Premio speciale della giuria
Premio Riccione per il Teatro

In scena al Teatro dell’Elfo dal 2 al 26 maggio 2007

Nuova opera di Alessandro Genovesi (ormai famoso attore milanese) ha vinto con questo Happy Family (il  suo primo testo teatrale) il riconoscimento speciale della giuria al Premio Riccione Teatro del 2005.

                        

Come recita il depliant: una confessione camuffata, un diario mascherato, una commedia che parla della paura di diventare grandi, di cambiare la nostra vita per qualcos’altro che non conosciamo. È un esorcismo scritto nella Milano d’estate. Quando non si muove una foglia e dal silenzio può uscir fuori quello che di solito sta muto. Tutti i desideri e tutte le paure. Di essere troppo, di non essere nessuno. Sorrisi, scontri e incontri esaltanti. Brutture e imperfezioni guardate con ironia. Difetti che diventano poesia. E così si scaccia per un po’ il terrore quotidiano di vivere a metà, di essere scontati.
Di questa commedia si può dire tutto quello che di solito innervosisce: è lieve, è romantica, è banale. Le persone che la popolano sono normali. Ma questo è il suo bello. Che è tragicamente fuori posto.

                      

 

Una commedia normale, in grado di divertire e, a tratti, commuovere, con la sua realistica semplicità, e che narra la storia di due famiglie che si incontrano a causa dei figli quindicenni che hanno deciso di sposarsi.
Due famiglie normali, con le solite "maschere" (la nonna un po’ rimbambita, i figli con i loro picoli grandi problemi, gli adulti un po’ disincantati) che si muovono su di un palco allestito in modo semplice ma funzionale per circa 2 ore.

Tipicamente milanese, infarcita dei clichè che la popolazione meneghina ben conosce (le biciclette attaccate ai pali, il portare giù i cani, i pizzaioli egiziani…), e con quel pizzico di surrealismo che non guasta mai, l’opera è davvero ottima e ben recitata.
Nonostante la lunghezza non stufa, merito anche dell’azzeccato commento sonoro, delle "coreografie" e del modo di porsi quasi scherzoso e brillante.
Consigliato vivamente.

Annunci

Discussione

Un pensiero su “HAPPY FAMILY

  1. grande!!!!
    Era secoli che nn vedevo la Roby..
    Eazye

    Pubblicato da anonimo | 28 febbraio 2008, 16:01

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: