you're reading...
Senza categoria

Stardust

di
Matthew Vaughn

con
Claire Danes
Charlie Cox
Sienna Miller
MIchelle Pfeiffer
Robert De Niro

Stardust è uscito l’anno scorso ma ancora non ero riuscito a vederlo.
Stardust continua a rappresentare il "nuovo cinema fantasy", quello che, dall’uscita della trilogia del Signore degli Anelli, spopola e produce miliardi di dollari trasformando in film opere più o meno conosciute.
Insieme a Le Cronache di Narnia, La Bussola d’Oro, le Spiderwick Chronicles e compagnia bella, Stardust rischia di perdersi in questo marasma di pellicole tutte simili, dai contenuti più o meno identici e dai messaggi non proprio originali per chi, come me, legge fantasy da sempre.
Per fortuna però, dietro all’opera omonima da cui è tratto c’è la mente geniale di Neil Gaiman, a fare da spartiacque tra quei cliché tipici che definiscono un genere e le trovate geniali che possono costituire una ventata di aria fresca.

La storia narra di Tristan Torn, un abitante del villaggio di Wall, in Inghilterra, innamorato della bella Victoria.
Lei però di lui non ne vuole sapere, dato che un altro pretendente più consono al suo lignaggio già le sta facendo la corte.
Come può un semplice garzone avere possibilità contro un nobile bello e colto?
Solo strappandole una promessa, la sera in cui vedono insieme una stella cadente.
Se Tristan atraverserà il muro che da il nome al villaggio, oltre al quale è propibito passare, per recuperare la stella caduta, e portarla alla sua amata entro il giorno del suo compleanno, allora Victoria acconsentirà a sposarlo.
E da qui avrà inizio una ricerca che lo porterà ad incrociare il suo destino con una battaglia di successione, una strega alla ricerca dell’immortalità e la scoperta di un mondo magico e letale allo stesso tempo. Fantasmi, incantesimi, navi volanti, pirati, unicorni e via dicendo popolano il mondo oltre il muro, un mondo al quale è facile affezionarsi ma che è difficile abbandonare.

Alcune immancabili differenze rispetto al romanzo (che però ho letto troppo tempo fa per ricordare nei minimi dettagli), ma alcune trovate extra divertenti come il mitico Capitan Shakespeare interpretato da De Niro, omaggio alla cultura dell’età Vittoriana tanto adorata da Gaiman stesso.
Visivamente la pellicola è ottima, e il commento sonoro anche, con musiche evocative e divertenti, e che anche nei momenti più oscuri non raggiunge (volutamente) la cupezza di altre original soundtrack dello stesso genere.


Un ottimo film dunque, in grado di divertire e far trascorrere un paio d’ore in modo simpatico e, perché no, ricavandone un (seppur trito e ritrito) messaggio di speranza. Una favola moderna, ingrado di far sognare e appassionare grazie all’immancabile e romantico lieto fine.


 

Il trailer


 

In rete:

Sito Ufficiale
Stardust su MyMovies
Stardust su Wikipedia
Stardust su IMDB

Annunci

Discussione

2 pensieri su “Stardust

  1. si una vera favola…
    ely

    Pubblicato da cinescopio | 18 novembre 2008, 21:52
  2. non ho letto il romanzo di gaiman, (di cui però adoro american gods), ma il film mi è piaciuto assai.

    niente di sconvolgente, ma carino, simpatico, e nei limiti, appassionante.

    il personaggio interpretato da De Niro è fenomenale XD

    Pubblicato da Chrono87 | 19 novembre 2008, 11:32

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: