you're reading...
Senza categoria

Weekend a fumetti

Wolverine: Nemico Pubblico
di Mark Millar e John Romita Jr.

Il legame di Wolverine con il Giappone è ben noto a tutti. È dai tempi dei due vecchi speciali Wolverine e la Tigre e Kitty Pride e Wolverine che il tarchiato mutante e il Paese del Sol Levante hanno un rapporto di amore-odio. Mark Millar riprende questo legame e lo usa come semplice pretesto per innescare una sequenza di 12 capitoli (componenti le due saghe qui riportate Nemico Pubblico e Agente dello SHIELD) composti di azione, violenza, guest-star a non finire.

Recatosi in Giappone per aiutare un amico, Logan infatti viene catturato da una cellula della Mano alleata con l’Hydra che, stanca di cercare (e fallire) di eliminare gli eroi mutanti e non, ha deciso di prenderne il controllo tramite un processo di lavaggio del cervello, iniziando proprio dal mutante artigliato, uno dei più pericolosi.

E da qui in poi tutta la vicenda si sviluppa tra attacchi del nostro ai suoi esimi colleghi, tra cui troviamo lo SHIELD, i Fantastici Quattro, gli X-Men, Devil ed Elektra. Quest’ultima in particolare rivestirà un ruolo importantissimo nelle 300 e passa pagine della storia.

Seppur si tratti di una volume avvincente e che non lascia scampo ad esitazioni nel lettore, non si può certo parlare di approfondimento: sì, qualche spunto riguardo alla forza di volontà dei protagonisti c’è, ma è ben poca cosa rispetto a quanto ci ha abituato Millar (soprattutto con i suoi lavori nell’universo Ultimate con The Ultimates e Ultimate X-MEn, imperdibili!).
Il tratto di Romita figlio è però invece perfetto in ogni occasione, e può essere considerato a mio avviso come un prosecutore, per la casa della grande M, di quello che avevano saputo apportare Jim Lee o Mark Bagley negli anni ’90.
Potrebbe non piacere a tutti, ma il prezzo diq eusta edizione da edicola (è infatti il sesto volume della serie SUPEREROI – Le Grandi Saghe, in uscita con la Gazzetta dello Sport) lo rende un must per gli amanti di Wolverine e un volume consigliato a tutti gli altri amanti dei mutanti di casa Marvel.

  


Wanted: Il Crimine Paga
di Mark Millar e J.G. Jones

Ancora mark Millar, questa volta con uno dei volumi che l’hanno reso celebre, quel Wanted recentemente trasformato in una pellicola tutt’altro

che indimenticabile (di cui ho parlato QUI) con la quale condivide solo l’idea di fondo. Weasley è un ragazzo sfigatissimo la cui vita viene sconvolta quando scopre di aver ereditato da suo padre non solo 50 milioni di dollari, ma anche una capacità innata di uccidere. Un potere che può utilizzare per decidere di vivere la sua vita fino in fondo, a patto che lo utilizzi per aiutare la Fratellanza, un’organizzazione di supercriminali che ha sconfitto tutti gli eroi del mondo e ne ha cancellato i ricordi dalle menti degli uomini comuni.

Un po’ Fight Club e un po’ Trainspotting (come viene definito nella prefazione di questo volume), Wanted prende in giro i vari multiversi Marvel e DC in modo ironico e strafottente, mettendo il protagonista (e il lettore quindi) davanti a un dilemma che, se risolto, gli potrà permettere di vivere davvero la vita che vuole, creandola con le sue stesse forze.

Essenziale, rapido ma non superficiale ed assolutamente irriverente (grazie alla maestria di Millar di scrivere dialoghi incalzanti e realistici) Wanted si presenta benissimo anche graficamente, con un look serioso ma non "di nicchia", collocandosi come uno dei capisaldi della rivoluzione fumettistica degli ultimi anni.

 


The Umbrella Academy: la Suite dell’Apocalisse
di Gerard Way e Gabriel Ba

Può il cantante di un gruppo rock di successo essere anche un valido scrittore di fumetti? Evidentemente sì, e ce lo dimostra Gerard Way con questo gioiellino intitolato The Umbrella Academy.
La Suite dell’Apocalisse è il primo ciclo di storie (6 volumetti, in edizione originale) che serve ad introdurci i bizzarri personaggi creati dal vocalist dei My Chemical Romance.

Simili a quelli creati da Mike Mignola (l’influenza di Hellboy è evidente), i 7 protagonisti e membri dell’Academy sono altrettanti ragazzini gemelli, nati in altrettante diverse zone del pianeta (con 40 altri gemelli sparsi per il mondo) dotati di poteri unici. Riuniti dal Monocolo (nome in codice di Sir Reginald Hargreeves) vengono cresciuti, educati e tirati su dallo stesso per formare una specie di parodia della Scuola per Giovani Dotati di X-Meniana memoria per il bene dell’umanità.

Un perfetto mix di azione e noir, toni cupi e atmosfere stravaganti e a tratti Burtoniane, fanno di questi 6 capitoli (a cui sono seguiti, negli USA, già altri 6 episodi di una nuova miniserie) una vera novità, fresca nella narrazione e dal potenziale davvero alto, che non si inserisce nel mainstream fatto da produzioni più note, ma ne raccoglie l’eredità e ci presenta una storia di supereroi unica e innovativa.
Consigliatissimo a tutti quelli che sono stufi dei soliti fumetti supereroistici e hanno già letto tutto Hellboy ma non disdegnano una storia in cui riecheggino le fondamenta dei grandi classici del genere.

  

Annunci

Discussione

Un pensiero su “Weekend a fumetti

  1. Pensa che anch’io ho comprato il volume della serie Dark Side di WANTED, proprio perchè incuriosito dalla storia. Purtroppo, non ho ancora avuto il tempo di leggerlo… 😦

    Pubblicato da SpiderCi | 30 agosto 2009, 17:25

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: