you're reading...
Senza categoria

Spider-Man: Shattered Dimensions

In tanti hanno cercato di catturare l’essenza di un personaggio a fumetti nel codice di un videogioco, ma ben pochi sono riusciti nell’intento di accontentare i fan e, al contempo, riuscire a conquistare anche i fruitori occasionali e meno smaliziati. C’è riuscita, nel 2008, Rocksteady/Eidos, con quel capolavoro che prende il nome di Batman: Arkham Asylum, e ora Activision passa la licenza legata a Spider-Man a un nuovo team di sviluppo, i semisconosciuti Beenox, per cercare di stare al passo creando Spider-Man: Shattered Dimensions.

La missione non è stata un successo al 100%: Shattered Dimensions si dimostra un buon titolo, divertente ma non esente da difetti, e (a mio avviso) stravolge alcune delle idee vincenti degli scorsi titoli dedicati all’Arrampicamuri, proponendo però novità accattivanti e funzionali. Se infatti fino al più recente Spider-Man: Web of Shadows la struttura di gioco era la classica free roaming in cui nei panni di Peter Parker potevamo esplorare New York liberamente, sbloccando missioni secondarie e principali seguendo la trama narrata, qui siamo di fronte a 14 livelli (1 tutorial, 1 epilogo e 12 livelli veri e propri) da giocare in ordine sparso seguendo il pretesto di una trama davvero poco ispirata a cura di Dan Slott, già autore di alcune storie su carta per mamma Marvel.

La rottura della Tavoletta dell’Ordine e del Caos durante un combattimento tra Spidey e Mysterio vede i frammenti di questo manufatto disperdersi in 4 dimensioni diverse, permettendoci di metterci i panni (attillati) di Amazing Spider-Man (quello classico), Spider-Man Noir, Spider-Man 2099 e Ultimate Spider-Man. Ognuno di essi dovrà recuperare, grazie alle sue specifiche abilità, 3 frammenti della Tavola e riunirla grazi all’aiuto di Madame Web. Sfortunatamente, per qualche strano caso tutti i frammenti finiscono nelle mani di diversi supercattivoni, e starà a Spider-Man sconfiggerli e assicurare che i poteri derivanti non vengano utilizzati per fini nefasti.

Per fortuna a risollevare la questione ci pensa la giocabilità, con un sistema di combattimento ben strutturato e vario, delle situazioni caratteristiche della serie (trovarsi a dover salvare 3 civili mentre una cinquantina di membri del Branco Selvaggio di Silver Sable cerca di farvi fuori e Juggernaut sta demolendo un palazzo) e una realizzazione tecnica che fa la parte del leone. Ognuna delle quattro ambientazioni è infatti resa in maniera diversa dalle altre: i capitoli di Amazing saranno disegnati in cell shading, quelli di Noir in toni di nero e grigio, quelli di 2099 saranno più "realistici" e con un look cyberpunk colorato e pieno di neon, mentre per Ultimate si torna al cell shading ma più marcato e stilizzato.

Purtroppo non è tutto oro quel che luccica, e infatti tutto questo ben di Dio pecca di 1) mancanza di personaggi "normali" che abitano l’universo di Spider-Man come Mary Jane, zia May e compagnia bella, il lato umano insomma e 2) una ripetitività di fondo che si trascina per tutti i livelli. Se infatti i capitoli Noir saranno caratterizzati da un gameplay basato sullo stealth, Ultimate, Amazing e 2099 saranno piuttosto simili tra di loro.

 

Per tutti i fanatici Marvel (ai quali il gioco è comunque consigliatissimo, passeranno sopra ai vari difetti di Shattered Dimensions pur di svolazzare in giro nei panni del Ragnetto) il valore aggiunto di questo ennesimo tie-in è costituito da tonnellate di extra sotto forma di bozzetti, modelli poligonali, costumi alternativi e quant’altro possano desiderare da un gioco su Spidey.

Gli altri potranno trovare un buon gioco, veloce e divertente, che potranno approfondire se lo vorranno, o godersi semplicemente le 13-14 ore di gioco necessarie per finirlo una sola volta, combattendo alcuni dei nemici caratteristici di Spider-Man. Si poteva fare di più, ma le carte in tavola per portare anche Spidey ai livelli di Batman ci sono tutte: riproporre un sandbox con una trama ben congegnata (magari scritta appositamente da un Bandis, un Millar o un Jenkins di turno) e fare tesoro dell’esperienza maturata con queto Shattered Dimensions potrebbero fare del prossimo titolo un vero must have. Speriamo!

 LA VIDEORECENSIONE DI GAMETRAILERS

SHATTERED DIMENSIONS IN RETE:
Su Wikipedia
Su SpazioGames
Su Art of Gaming

Annunci

Discussione

Un pensiero su “Spider-Man: Shattered Dimensions

  1. Spero di poterlo provare presto ! Anche se ultimamente devo ammettere che non mi sto dedicando molto ai videogiochi…..Essendo un fan del Ragnetto, però, non posso esimermi dal provare tutte le sue versioni alternative !!! ;-p

    Pubblicato da SpiderCi | 26 settembre 2010, 17:10

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: