you're reading...
cinema, sci-fi, Short movies

Sci-Fi short movies 3

Ed eccoci qui con un nuovo capitolo di Sci-Fi short movies. Dopo il primo e il secondo post dedicati a questi meravigliosi cortometraggi, una nuova raccolta, questa volta però quasi esclusivamente “live action”, qnindi con attori in carne e ossa ed effetti speciali, non più esclusivamente in computer grafica come in passato.

Tears of Steel

Può una storia d’amore scatenare una guerra? Ecco la premessa di quest corto del Blender Institute di Amsterdam realizzato magistralmente. Una recitazione (quasi) convincente, un’ambientazione ricreata alla perfezione ed effetti speciali incredibili per essere qualcosa di non hollywoodiano. Il solito, vecchio concetto del conflitto uomo-macchina riproposto in un modo innovativo, con una conclusione e una morale diversa dal solito, senza però tralasciare combattimenti e sparatorie spettacolari. Un po’ Matrix e un po’ Terminator insomma.

Achetype

OK, questo corto potrebbe rientrare nei precedenti post vista la più che massiccia presenza di computer grafica rispetto agli attori in carne ed ossa (2). Un robot da combattimento che si ferma durante una missione emettendo un EMP potentissimo, e afferma di essersi “svegliato”, e di avere ricordi della sua vita passata. Quello dei ricordi impiantati in una mente cibernetica è un interessante topic ricorrente nella fantascienza, ma sarebbe stato bello se l’autore di questo corto ci avesse fornito anch un finale, una rivelazione o qualcosa di simile.

Memorize

Una visione distopica del futuro in cui la privacy è praticamente inesistente, in cui ogni momento della nostra vita viene registrato e archiviato in un database a disposizione della polizia. Innegabili le somiglianze con Strange Days per il concept e da Syndicate (il remak dell’anno scorso) per il look del protagonista di un corto interessante il cui punto di forza, però, sono le scene d’azione.

Plurality

Un’altro disegno utopistico, questa volta basato sul DNA umano, presentato come la chiave social network per fare qualsiasi cosa nella New York del futuro grazie alla Griglia. Un modo per eliminare la criminalità, ma che sarà causa di un disastro a livello mondiale, come annunciato nel finale del corto. Cosa succede infatti quando la Griglia rileva due DNA dello stesso tipo in città?

Sight

Vi piacerebbe avere a disposizione un HUD come quello i un videogioco in prima persona tutto il tempo? E avere dei punteggi per ogni attività della vostra giornata? E ancora poter fare a meno di televisione e videogiochi in forma fisica, ma avere tutto integrato sulla retina? Social network compresi? Beh, se i Google Glasses dovessero davvero prendere piede, questo è quello che potrebbe accadere in futuro.

The Gift

Per concludere questa “scaletta”, un corto diverso, con uno svolgimento lineare ma ricco di mistero. Un pacco che contiene “un unicorno”, una fuga disperata e un finale aperto che lascia un sacco di interrogativi. Come la buona sci-fi deve fare.

Annunci

Discussione

Non c'è ancora nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: